folopen
folclosed1
folclosed2
folclosed3
frmenu1
torna home page

 

 

 

 

 

 

La seconda metà dell' 800 vide il proliferare di nuove linee ferroviarie ma lasciò, di fatto, la Brianza Centrale isolata. Un collegamento ferroviario con Milano era considerato di pubblica utilità ma i numerosi progetti succedutisi ebbero scarsa fortuna. Il Comune di Besana era tra i più interessati al collegamento e, su progetto degli ingegneri Anderloni e Dell'Acqua, richiese la concessione per la costruzione di una ferrovia tra Monza Besana ed Oggiono. L'autorizzazione fu accordata con Regio Decreto del 30 maggio 1884 ma successive difficoltà economiche imposero la rinuncia alla concessione.


Nuove speranze furono riposte nella legge 27 aprile 1885. La Monza Besana Oggiono venne inserita tra le ferrovie complementari di IV categoria e la sua costruzione affidata ad una delle grandi società ferroviarie dell'epoca (Società Meridionale). Non vi era però alcun interesse da parte di quest'ultima ed il progetto non corrispondeva ai requisiti richiesti dalla legge per cui la concessione venne rifiutata. Trascorsero altri 12 anni prima di sentire nuovamente parlare di un collegamento su ferro con Milano. Le forti spinte imprenditoriali e politiche locali riuscirono a far inserire la Monza Besana Oggiono tra quelle linee che, sovvenzionate dallo stato e con un sussidio per un periodo da 35 a 70 anni, potevano essere concesse a privati. (legge del giugno 1897)


Nel frattempo l'ing. Enea Camisasca aveva redatto nuovo progetto che congiungeva Monza a Besana e Molteno innestandosi nella linea Como Lecco di recente costruzione. Il Municipio di Besana si fece carico di promuoverlo presso gli altri Comuni interessati che associati in Consorzio ottennero la concessione poi trasferita ad una società appositamente costituita la "Società Anonima per le Ferrovie della Brianza Centrale" con capitale sociale di Lire 2.500.000 diviso in 10.000 . Il 15 marzo 1907 venne stipulata convenzione con Governo ed il successivo 29 settembre iniziarono i lavori con la posa della prima pietra presso la stazione di Besana. La linea venne ufficialmente inaugurata il 14 ottobre 1911 con un treno speciale da Milano Centrale per Molteno con successivo ritorno a Besana sede della cerimonia.


Il tanto atteso collegamento era stato realizzato ma la gestione fu costellata da continue difficoltà e l'esistenza stessa messa più volte in discussione. Inizialmente i servizi erano gestiti dalle ferrovie Nord Milano con 6 coppie di treni (3 omnibus 2 accelerati ed un misto). Successivamente subentrò direttamente la F.B.C. società costruttrice ma, già in difficoltà economiche, fallì dopo pochi anni. Per rilevare il servizio venne allora costituita la Società per la Ferrovia Monza Molteno Oggiono (1919) che cercò di rilanciare la linea ottenendo anche di attestare alcune corse a Lecco ed a Milano Centrale. Anche quest'ultima società soffrì di gravi problemi finanziari e nel 1935 la ferrovia passò sotto la Gestione Commissariale Governativa e, dal 1954, direttamente alle FS. I problemi per la M.M.O. non finirono con il passaggio alla gestione statale anzi visse nel più totale abbandono e, a causa della politica dei "rami secchi", rischiò più volte la chiusura.


Solo negli anni 90, con la riscoperta del trasporto su ferro, tutte le corse sono state attestate su Lecco e, all'opposto capolinea, su Sesto San Giovanni. Negli anni successivi alcuni treni hanno avuto origine da Milano Greco Pirelli o da Milano Lambrate ed attualmente il capolinea è Milano Porta Garibaldi. Unica eccezione i primi due treni del mattino che si attestano e ripartono da Monza oltre a 2 corse serali effettuate con autobus con origine Monza e destinazione Besana (le ultime della giornata). Diversa la situazione nei giorni festivi in cui il servizio è garantito da sole 6 coppie di treni che percorrono l'intera linea. La domenica coincidente con il Gran Premio di F1 il servizio viene sospeso e sostituito con treni navetta tra le stazioni di Milano e Biassono.

 

All'incremento del servizio passeggeri si è contrapposto un forte calo di quello merci. Sul tronco nord è previsto un solo treno (normalmente soppresso) che svolge servizio per le stazioni di Costamasnaga (officine ferroviarie) e Besana. Quest' ultima stazione in pratica non e' piu' raggiunta in quanto, dal settembre 2004, la locale vetreria ha abbandonato il vettore ferroviario. Identica situazione sul tronco sud; la tradotta da Monza a Villasanta che raggiungeva una raffineria è stata soppressa nella primavera 2008 a seguito della chiusura di quest' ultima .
La crisi economica di questi ultimi anni ha determinato una contrazione del servizio merci anche sul tratto Molteno Lecco (in comune con la Como - Lecco) dove la presenza di officine meccaniche generava un elevato movimento di carri. Il servizio era espletato sia da Trenitalia Cargo sia da SBB Cargo con proprie locomotive.

 

 

 

Bibliografia

 

Riqualificazione delle linee Monza - Molteno e Como - Lecco - Progetto di fattibilità. RFI Direzione Compartimentale Infrastruttura S.O. Tecnico - Milano 19/09/03

Besana in Brianza 1869/1989 Immagini di Vita - edito a cura dell'Amministrazione Comunale

La Ferrovia Monza - Molteno - Oggiono di G. Cornolò - Italmodel Ferrovie n. 229

Ungheresi in Italia - I treni n. 323 Febbraio 2010

basestoria

La Storia della Monza Molteno Oggiono